Femmina, ragazza, adulta, sbarazzina, compagna, di compagnia, moglie, mamma, madre, responsabile, lavoratrice, cuoca, esperta in economia (domestica e non). Tutto insieme, ma anche in diversi momenti. Professionista, professionale. Contemporaneamente. Che talvolta significa tralasciare la tua parte empatica ed emotiva, perché non ovunque è “utile” far entrare il tuo vissuto, non sempre “sta bene”...anche se tu sai che è importante, e spesso è ciò che, anche nel lavoro, ti ha permesso la svolta.

 

Seria, sicura, gli “altri” ti guardano e grazie a te devono sentirsi sereni. Sei spesso tu il “termometro” delle emozioni della famiglia. Dal tuo stare bene dipende quello di “tutti”. Che poi sì, sono “tutti”, perché sono le persone importanti per te.

Simpatica, rassicurante. Serena a tua volta, felice per trasmettere felicità. Sorridente. Ma anche “dura”, decisa, certe regole vanno rispettate grazie a te, ma non necessariamente saranno “scelte” da te.

Pertanto regolativa, ma non normativa. Quindi hai dei doveri, ma non sempre dei diritti, nelle scelte educative ad esempio. Però anche questo è ciò che ti vogliono far credere. Ricordalo sempre.

Essere donna. Saper tenere nella mente gioie, pensieri, preoccupazioni. Godere del bello, anche mentre stai organizzando: la settimana, gli incastri, la cena, la vita. Tutto nella mente, perché stai facendo dell’altro con il corpo e con le emozioni e stai cercando di viverlo. 

È essere la prima ad alzarsi e l’ultima a coricarsi, con la certezza che tutti hanno avuto tutto ciò di cui avevano bisogno, ciò che avrebbe fatto loro piacere,  e soprattutto la tua attenzione.

È coraggio. Di affrontare ogni ignoto che incontrerai nel suo tuo cammino, e non solo di madre.

Insomma, stanchezza, sfinimento...ma grande senso di appagamento.

Perché essere donna è anche saper godere di un sorriso alle tre del mattino, che è riservato solo a te. È “provocare” costantemente sorrisi. È donare la vita e averne cura. È stupirsi e meravigliarsi di cose semplicissime. È affrontare con sicurezza nuovi traguardi e lasciar perdere la paura, ma tenere tutte le emozioni per viverli a pieno. È amore e amare. È condividere. È sognare per gli altri. E poi per te, legando il tuo sogno al loro. È sapere che il tuo sguardo avrà il “potere” di infondere coraggio e fiducia. Che le tue parole saranno ascoltate, magari non subito, le dovrai ripetere (e non solo ai tuoi figli), ma il tuo pensiero sarà sempre importante per chi è vicino a te.

Essere donna è gioia, bellezza, coraggio, felicità.

Essere donna è essere.

Stefania 

#unopiuunougualeatre

iscriviti per tenerti sempre aggiornato.

redazione

via Cà Nova Zampieri 4e int 16/17
37057 San Giovanni Lupatoto Verona

periodico trimestrale

Registrazione del Tribunale di Verona n.2049 Del 28 Luglio 2015 - R.o.c. Num 25932