Quando diventi mamma – quasi sempre – ti scordi quasi totalmente della stanchezza.

La tua vita cambia centro, sogni e bisogni cambiano.

 

Vivi con questa sensazione strana che ti pervade, sei sempre un po’ con il fiato sospeso, ti sembra sempre di aver fatto tantissimo e allo stesso tempo che avresti potuto fare di più, dargli di più, essere o esserci, di più.

La mente della mamma è pienissima. 

Cose da fare, pensare, dire.

Emozioni da vivere che non possono aspettare, potrebbero fuggire e non tornare più.

Poi standard assurdi da mantenere, scambi con altre mamme dai quali sembra di uscire sempre “perdenti”. 

Routine, che fanno benissimo ai piccini e anche a noi, ma che in alcuni momenti vorremmo rifuggire per una piccola evasione...

In particolare ora.

Le nostre giornate non possono variare più di tanto.

Le notizie “buone” sono presto nascoste da quelle “cattive”.

L’evasione è fatta di dolci e qualche “shopping” online (principalmente la spesa a domicilio).

È molto che siamo in questa situazione di stasi, e inadeguatezza e stanchezza si accavallano.

Loro però, i piccoli piccoli della situazione, restano felici!

Siamo noi il loro mondo. Loro si adattano a tutto. Noi gli “bastiamo”.

Per loro ogni giorno è fatto di una cosa nuova: un raggio di sole porta nuove scoperte, un semino piantato nuove osservazioni, un oggetto trovato nuove sperimentazioni.

Così cerco di lasciarmi affascinare da questo volto concentrato, che mi fa capire che il mondo prosegue.

E quando mi sento sopraffatta da tutto chiedo un abbraccio, stretto stretto stretto, negli abbracci passa tutto.

Stanchezza e sconforto.

Negli abbracci nasce tutto.

Speranza e amore.

#passerà

Stefania 

 

#unopiuunougualeatre

iscriviti per tenerti sempre aggiornato.

redazione

via Cà Nova Zampieri 4e int 16/17
37057 San Giovanni Lupatoto Verona

periodico trimestrale

Registrazione del Tribunale di Verona n.2049 Del 28 Luglio 2015 - R.o.c. Num 25932